info@turismopiacenza.it

Castello di Montalbo

Il castello di Montalbo, sorto nel 1138, venne ricostruito ben due volte: una dopo la sua prima distruzione nel 1215 e una seconda volta nel 1516, dopo la sua ultima devastazione. Di pianta esagonale, il più meridionale dei castelli del comune ha al suo centro la torre campanaria più antica del maniero. L’attuale architettura risente fortemente dello stile dei Vignola, che lo hanno ristrutturato rendendolo ancora oggi uno dei fortilizi meglio conservati.
La torre e la torretta sopra l’ingresso sono le parti più antiche.

Nel 1138 apparteneva ai Consoli di Piacenza per metà, e al rettore di San Michele di Grintorno per l’altra. I Consoli di Piacenza, dopo averlo acquistato, lo infeudarono ai Da Pecorara, ai Petradueria e ai Seccamelica (1148 – 1160). Questi ultimi lo rilevarono e lo tennero fino al 1187, forse in comproprietà con i Da Pecorara. Anche il fortilizio di Montalbo fu attaccato nel luglio 1215 dai pavesi, ma, in quell’occasione, i piacentini fecero 25 prigionieri. Fino al 1279 i documenti testimoniano la proprietà dei Da Pecorara. Nel 1372 il castello di Montalbo si arrese alle truppe pontificie comandate da Dondazio Malvicini, e, nel 1377, ne presero possesso i Landi. Nel 1412 Filippo Maria Visconti lo assegnò a Filippo e Bartolomeo Arcelli, che lo governarono fino al 1448, data in cui Francesco Sforza consegnò il territorio a Filippo Confalonieri (1477). Nel 1516, quando la Valle era governata da Francesco I di Francia, la castellana Luigia Confalonieri, vedova Sanseverino – famiglia, questa, filofrancese -, subì l’attacco degli antifrancesi Dal Verme. Ranuccio Farnese investì il Conte Orazio Scotti dei possedimenti di Montalbo alla fine del XVI secolo. Nel 1674 il marchese Giovanni Scotti fece costruire, accanto al castello, la chiesa di San Cristoforo, eretta con materiali provenienti in parte dal castello di Seminò.

Nel XIX secolo il maniero passò ai Guastoni, poi ai Mascaretti e quindi nuovamente agli Scotti (attualmente è proprietà privata delle famiglie Marchesi). Successivamente fu adibito a dimora estiva per i seminaristi di Piacenza. Durante l’occupazione tedesca fu sede di comando militare.

Info&Contatti

  • Località Montalbo, 100- 29010 Montalbo di Ziano
  • L'edificio è proprietà privata; sono fruibili gli esterni
  • Hai visitato questo luogo? Dicci quanto ti è piaciuto

I commenti sono chiusi.