info@turismopiacenza.it

Palazzo Istituto Gazzola

L’origine del palazzo in cui ha sede l’Istituto risale probabilmente al medioevo, costruito forse dalla nobile famiglia piacentina dei Fontana. Nel 1692 apparteneva al monastero di S. Sisto, che lo cedette nel 1699 al conte Gian Angelo Gazzola.
Nel 1781, dopo la morte di Felice Gazzola nel palazzo di famiglia fu aperta al pubblico una scuola d’arte attiva ancora oggi. Al Palazzo Gazzola, realizzato in laterizio, si accede da Via Gazzola e da Via San Tommaso. Varcato l’ingresso di Via San Tommaso, ci si immette in un androne con volta a botte, che conduce ad un cortile triportico con archi a tutto sesto retti da colonne in granito e capitelli ionici. Il loggiato superiore, cui si accede attraverso uno scalone, ha invece capitelli di ordine dorico, databili al XV secolo. Gli interni del complesso hanno subito negli anni numerosi rimaneggiamenti, per adattarli alle esigenze della sempre più prestigiosa Scuola d’Arte. Nel 1873 fu sopraelevata l’ala sud del palazzo, che si affaccia su Via Gazzola. Nel 1903 alcuni locali furono concessi al Comune di Piacenza come sede del Museo Civico. Nel 1975 il Museo Civico è stato trasferito presso Palazzo Farnese, lasciando completamente liberi i locali della Fondazione Istituto Gazzola.

IL CONTE FELICE GAZZOLA
Il conte Felice Gazzola (Parmigiana di S. Polo,1698- Madrid 1780), seguendo le orme del padre, ufficiale dell’esercito farnesiano, legò le proprie sorti a quelle del nuovo sovrano dei Ducati, Carlo III di Borbone, facendo una brillante carriera militare e raggiungendo il grado di generale. Coltivò anche la passione per l’arte, infatti, avendo seguito il Borbone, divenuto re di Napoli, promosse tra gli anni quaranta e gli anni cinquanta del ‘700 la valorizzazione di Paestum; fu collezionista, ma la sua raccolta di quadri andò quasi interamente dispersa dopo la sua morte, quando i suoi beni furono venduti per finanziare l’istituzione mecenatistica da lui voluta. Tuttavia della collezione che appartenne al Gazzola restano alcuni preziosi oggetti d’arredo, probabilmente da sempre conservati nel palazzo piacentino sede oggi del Museo e dell’Istituto Gazzola, e tre ritratti di famiglia anch’essi esposti nel medesimo luogo; tra questi risultano particolarmente interessanti il ritratto dello stesso Felice Gazzola e quello del padre Gian Angelo entrambi del Mulinaretto. Proprio a questo suo interesse per l’arte si deve l’idea del Gazzola di destinare parte del suo patrimonio a costituire un’istituzione, una sorta di borsa di studio, per giovani promettenti in questo campo. Il conte Felice Gazzola con l’Istituto piacentino e con l’Accademia di Artiglieria di Segovia ha lasciato due tangibili testimonianze della sua personalità di uomo di cultura raffinato e cosmopolita del XVIII secolo.

Info&Contatti

  • Via Gazzola, 1/9 - 29121 Piacenza, Italy
  • Sede della pinacoteca Istituto Gazzola
  • Hai visitato questo luogo? Dicci quanto ti è piaciuto

I commenti sono chiusi.