info@turismopiacenza.it

Chiesa di San Lorenzo

La prima notizia relativa alla chesa di S. Lorenzo risale al 1144, ma è ignoto il costruttore e lo scopo dlla sua costruzione.La prima notizia relativa alla chiesa di S. Lorenzo risale al 1144, ma è ignoto il costruttore e lo scopo della sua costruzione.
Verso la fine del XIII secolo la chiesa è amministrata da una Confraternita laicale detta dei «Battuti » o Disciplinati: inizialmente essa dipendeva dal Monastero di S. Colombano e dopo il 1448 passò sotto la direzione del vescovo. Infatti, verso la metà del XV secolo il vescovo Buccarini rinnovò gli antichi statuti. La confraternita aveva scopi assistenziali e in modo particolare curava gli infermi.

La primitiva chiesa si può ancora in parte vedere sul lato sinistro dell’attuale facciata. Essa fu abbandonata nel 1609, in seguito venne ampliata e consacrata nel 1694, dopo aver abbattuto gran parte della precedente costruzione.
La torre campanaria subí alterazioni verso il 1779, conservando alcuni elementi originari. L’interno è a una sola navata: il coro ligneo appartiene al XVII secolo.
Sul muro esterno del lato destro vi sono due lapidi, provenienti dall’antica chiesa: una riporta una piccola croce (cm. 27 x 21) con le estremità a coda di rondine; haltra reca la seguente iscrizione: MCCLXXXX – OBERTUS DE SIGNORINO FECIT – HANC CRUCEM FIERI

La chiesa di San Lorenzo sorge all’interno del borgo antico di Bobbio e affaccia su Piazza Santa Fara con orientamento Ovest-Est. La facciata romanica, modificata nel tardo seicento, in pietra a vista è a capanna, su due ordini di lesene doriche, tripartita. In basso vi si possono vedere i resti della primitiva chiesa specie dal lato sinistro, ma anche sul muro esterno del lato destro, che si affaccia verso P.za S. Fara, dove è collocata l’antica lapide di Segnorino che reca una grossa croce con l’iscrizione relativa al personaggio sconosciuto, un cavaliere (forse templare). I due ordini sono separati da una trabeazione dorica, spezzata in aggetto. Al centro dell’ordine inferiore il portale del 1622, sormontato da frontoncino interrotto curvilineo. Al centro di quello superiore un finestrone rettangolare e ai due lati due nicchie a tutto sesto. La facciata si conclude con un frontone triangolare coronato da tre guglie piramidali. I fronti laterali sono scanditi da lesene doriche su due ordini separati dalla trabeazione dorica in continuità con la facciata. Nella parte superiore si aprono finestroni rettangolari. Al fronte nord si addossa il volume della canonica e la torre campanaria, in pietra a vista, modificata e sopraelevata nel 1779, in stile barocco, con cella campanaria forata sui quattro lati da monofore a tutto sesto tra lesene d’angolo. La cella è sormontata da un tamburo ottagonale coperto con tetto a cono in cotto. Al fronte Sud si addossa un edificio privato e la sagrestia. Sul retro l’abside semicircolare presenta nella parte alta, ai lati, due finestroni rettangolari.

Info&Contatti

  • Via San Lorenzo, 6 - 29022 Bobbio
  • Per informazioni turistiche IAT Bobbio
  • +39.0523.962815
  • iat.bobbio@sintranet.it
  • Hai visitato questo luogo? Dicci quanto ti è piaciuto

I commenti sono chiusi.